Questo sito utilizza i cookie
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza.
×
Universo Ipazia per un consapevole benessere
 x 

0

Sul loro essere poco salutari si è detto e scritto di tutto.
C'è chi li adora e chi li odia.

Cerchiamo di capirne di più e valutare alcuni aspetti importanti per la salute ai quali spesso non pensiamo.
LATTE   SI o NO?

 

La prima riflessione da fare è che in effetti, comunque la si pensi, l'essere umano è l'unico a nutrirsi anche da adulto del latte di un'altra specie. Un latte ovviamente destinato ai cuccioli e quindi contenente sostanze proteiche e ormonali che la natura ha destinato ai vitelli.
Il latte è quindi ricco di sostanze che a noi non servono e devono essere faticosamente convertite dal nostro organismo con spreco di riserve oppure eliminate (o accumulate) come tossine.
Già questo dovrebbe indurci a riflessione.

Non possiamo poi non prendere atto del fatto che la produzione industriale fa sì che le vacche destinate alla produzione del latte vengano tenute in stato di gravidanza praticamente per tutta la vita, in condizioni davvero aberranti e del tutto innaturali. Esistono diversi video nel web con i quali si può prendere coscienza di  questa realtà e vi assicuro che vederli è davvero difficile e doloroso.

Se però questi argomenti non sono sufficienti ad eliminare latte e derivati  dalla nostra alimentazione (in Italia del resto abbiamo dei formaggi fantastici) vediamo almeno di capire di più del loro effetto sul nostro organismo e sulla nostra salute.

LA CASEINA
Le caseine contenute nel latte vaccino arrivano ad essere addirittura 4 volte il valore delle proteine del siero. 
La caseina è quella parte proteica che aggiungendo caglio serve a produrre i formaggi.
Nutrirsi di latte e formaggi comporta quindi assumere grandi quantità di caseina la quale, arrivata al nostro intestino, stimola processi infiammatori e la produzione di muco, sia intestinale che bronchiale. 
Come la maggior parte dei prodotti animali, i derivati del latte contengono residui acidi di ormoni e pesticidi.

IL LATTOSIO
E' uno zucchero contenuto sia nel latte vaccino che in quello umano. 
Le eventuali intolleranze sono dovute al fatto che nell'età adulta (come dovrebbe essere normale) molte persone perdono la capacità di metabolizzarlo, con fastidiosi sintomi digestivi quando lo assumono.
Durante la sua decomposizione alimenta la trasformazione biologica delle cellule sane del corpo in batteri, lieviti e muffe.

LATTI VEGETALI
La legge ora non consente più di definirli "latte" bensì "bevanda a base di...".
Ormai in tutte le catene di distribuzione ne troviamo di ogni tipo:soia, avena, cocco, riso ecc.
Per chi non riesce a rinunciare a liquidi soprattutto mattutini che non siano tè e tisane sono una buona alternativa.
L'importante sarebbe cercare di variarli il più possibile onde evitare forme di intolleranza (ad esempio verso la soia) e sceglierli senza zuccheri aggiunti. Spesso infatti per renderli più accattivanti diventano una vera miniera di zucchero del quale non abbiamo assolutamente bisogno e che sarebbe meglio attingere ad esempio dalla frutta fresca.

IL CALCIO
E come mi procuro il calcio?!
Adeguate campagne pubblicitare ci hanno convinti di avere maggior bisogno di calcio di quanto non sia realmente. Le fonti di calcio poi sono diverse e anche nel mondo vegetale lo troviamo ad esempio in:

  • erbe e verdure a foglia verde
  • cavolfiore
  • ceci
  • tofu
  • mandorle e nocciole
  • semi di sesamo

E' importante sapere di quanto calcio ha bisogno il nostro organismo, anche perchè più creiamo nel corpo un ambiente acido e più verrà richiamato calcio dalle ossa per contrastarlo.
Quando mangiamo cibi acidi (come lo sono quelli di origine animale) il corpo tenta di tornare alcalino attingendo il calcio che ha a disposizione e prelevando dalle ossa quello che non trova subito disponibile nel cibo.
Le ultime ricerche sembrano infatti non mettere in correlazione l'assunzione di latte con la prevenzione dell'osteoporosi

CONSIGLI
Sia la medicina moderna che quella naturale o tradizionale affermano che sarebbe bene non eccedere nel consumo di latte e latticini (a dire il vero li sconsigliano proprio), soprattutto se si soffre di qualche patologia (soprattutto cardiovascolari e metaboliche). Questo perchè:

  • il latte vaccino non è adatto al corpo umano, tantomeno adulto. La natura lo ha creato per i vitelli.
  • il contenuto calorico dei formaggi è alto per cui il consumo all'interno di un'alimentazione controllata deve tenerne conto
  • rallentano i processi digestivi favorendo la putrefazione e la formazione di gas oltre che di muco
  • contribuiscono allo stato infiammatorio e acidificato del nostro intestino, l'organo che dovremmo mantenere maggiormente pulito e funzionante per il prezioso e delicato ruolo che svolge nella digestione, assimilazione e formazione di anticorpi.

Diciamo allora che se non vogliamo rinunciarvi dovremmo cercare almeno di favorire i formaggi freschi a quelli stagionati e cercare di eliminare qualsiasi derivato del latte per qualche giorno consecutivo al mese, così da consentire una pulizia dell'intestino. Qualche giorno detox dai prodotti animali e/o industriali è del resto sempre consigliabile per mettere a riposo il sistema digestivo e  ripulire l'organismo da elementi che lo intossicano e indeboliscono anche se non ne siamo consapevoli.

LA RICOTTA
Il latticino più consigliabile risulta essere la ricotta.
E' costituita dal siero del latte che rimane come scarto dalla produzione dei formaggi che viene appunto cotto nuovamente per farlo coagulare. E' quindi il latticino meno dannoso per salute.
Si dà il caso però che se il siero utilizzato risulta essere particolarmente privo di grassi, nella ricetta venga spesso aggiunta crema di latte per rendere il prodotto più cremoso e appetibile. Ecco di nuovo l'importanza di leggere bene le etichette e se ci è possibile di rivolgerci a qualche piccolo produttore locale.

Se non sei abituato ad utilizzare la ricotta o non la apprezzi come formaggio ricorda che con pochi accorgimenti puoi ad esempio

  • sostituirla alla panna nei condimenti e nei dolci
  • con l'aggiunta di erbe, frutta secca, spezie, può essere la base per crostini saporiti o torte salate
  • usarla a colazione sbattendola bene e aggiungendo un cucchiaino di cacao o caffè secondo i gusti.avrai una colazione saziante, proteica e senza zuccheri.

KEFIR
Un'alternativa interessante è il kefir, che può essere prodotto artigianalmente con grande soddisfazione e con la certezza di avere un prodotto sempre fresco e di qualità.
L'aspetto negativo è che come tutte le cose "vive" necessita di manutenzione e di un pò di pazienza, ognuno valuti se ne vale la pena.
Le bevande, latte o bevande vegetali, arricchite con granuli di kefir, sviluppano colonie di microrganismi che si nutrono essenzialmente di zuccheri quindi in caso di utilizzo del latte il prodotto finale avrà un livello di lattosio molto inferiore da quello del latte iniziale.
Le bevande a base di kefir sembrano avere la capacita di riequilibrare la flora batterica intestinale (microbiota) e di potenziare la formazione di anticorpi.
Molti studi gli attribuiscono diversi altri benefici che non sono stati ancora scientificamente dimostrati ma l'esperienza e studi seri ci insegnano che l'assunzione di prodotti fermentati è un vero toccasana che può aiutarci a contrastare l'azione di prodotti troppo spesso tossici che ingeriamo.

QUINDI?
Come sempre cerchiamo di non demonizzare e non creare allarmismi, l'importante è essere consapevoli e fare di conseguenza le proprie scelte.
E' comunque certo che il latte e i formaggi non fanno BENE ma se assunti sporadicamente non ammazzano nessuno.
Come sempre l'ideale sarebbe non assumerne tutti i giorni, per i vari motivi che abbiamo elencato e scegliere prodotti di qualità.
E' poi importante avere la consapevolezza che qualsiasi abitudine può essere cambiata e che possiamo sperimentare.
Cambiare alimentazione, alternare i cibi, eliminare per qualche giorno quelli che ci sembra non ci facciano stare bene è un modo per conoscersi e imparare cosa può farci stare meglio.

Universo Ipazia



Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere novità in merito al nostro Blog e per usufruire di coupon sconto e offerte esclusive riservate ai clienti di UniversoIpazia
Privacy e Termini di Utilizzo
Dietofarm S.p.a
Strada dell'Assenzio 11
Repubblica San Marino,
+39 0549 970137
http://www.universoipazia.it

 

Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle novità del mondo di Universo Ipazia
Privacy e Termini di Utilizzo
Newsletter