Questo sito utilizza i cookie
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza.
×
Universo Ipazia per un consapevole benessere
 x 

0
Arancio amaro

Descrizione:

L'Arancio amaro (Citrus aurantium) è probabilmente un reincrocio di Citrus maxima (il pomelo) e Citrus reticulata (il mandarancio) e appartiene alla famiglia delle Rutaceae. Originario dell'Asia, fu portato in Europa dagli Arabi nel X secolo; in Italia sembra sia stato portato dai Crociati.
Si tratta di un albero alto fino a 10 metri. Le foglie hanno colore verde intenso, ovate e appuntite all'apice. I rami più vigorosi sono molto spinosi; ha un robusto apparato radicale con fittone. I fiori sono ermafroditi, bianchi e molto simili a quelli dell'Arancio dolce, come i frutti che però sono più rugosi e ricchi di olii essenziali. La polpa è acida, amarognola e ricca di semi; l'epicarpo è abbastanza sottile di colore arancio.
La droga è costituita da frutti, foglie e fiori (raccolti prima dell’apertura).

Composizione chimica:

Il fitocomplesso è composto principalmente da: olio essenziale, flavonoidi, ammine (principalmente sinefrina), cumarine e furocumarine.

Storia ed uso tradizionale:

Analizzando le “ricette” a base di questa specie vegetale si nota che la medicina popolare sia in occidente sia in oriente convergono sugli impieghi tradizionali.
Nei paesi occidentali viene utilizzato per contrastare i disturbi digestivi.
La medicina tradizionale cinese impiega l’arancio amaro nel trattamento di dolori epigastrici e vomito.

Applicazioni:

La comunità scientifica indagando il fitocomplesso in termini di composizione e poi di meccanismo d’azione dei principi attivi ha prodotto molte evidenze a supporto del razionale impiego in campo salutistico degli estratti di questa pianta.
E’ stata fatta una distinzione tra gli estratti secchi costituiti da foglie e fiori, che hanno confermato durante gli studi le indicazioni tradizionali di miglioramento della funzionalità digestiva, e gli estratti ottenuti invece dai frutti immaturi che grazie al diverso profilo chimico hanno aperto nuove possibilità di impiego.
Alcuni ricercatori americani hanno infatti scoperto che in precise condizioni di maturazione del frutto, l’estratto che si ottiene per essicazione si arricchisce di una miscela di ammine simpatomimetiche, di cui la sinefrina è il principale costituente. Questa sostanza gode di proprietà anoressizzanti (provoca cioè una significativa riduzione dell’appetito) e di stimolo della termogenesi (produzione di calore corporeo dato da un aumento del consumo calorico) e della lipolisi (utilizzo dei grassi a scopo energetico).
Anche in Italia sono riconosciute all’Arancio amaro (se caratterizzato in sinefrina) capacità di aiuto nell’equilibrio del peso corporeo e di stimolo metabolico con particolare riferimento al metabolismo dei lipidi e il Ministero della Salute ne stabilisce rigidamente le quantità utilizzabili negli integratori alimentari perchè non provochino effetti collaterali negativi.

 CURIOSITA':

Da chi ama i sapori particolare e intensi può essere utilizzata per marmellate e composte, adatte anche ad accompagnare formaggi stagionati.

E' detto anche Melangolo

 



La nostra linea per un consapevole benessere

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere novità in merito al nostro Blog e per usufruire di coupon sconto e offerte esclusive riservate ai clienti di UniversoIpazia
Privacy e Termini di Utilizzo
Dietofarm S.p.a
Strada dell'Assenzio 11
Repubblica San Marino,
+39 0549 970137
http://www.universoipazia.it

 

Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle novità del mondo di Universo Ipazia
Privacy e Termini di Utilizzo
Newsletter